Visualizzazioni totali

mercoledì 22 settembre 2010

Facebook/Documentalità: discutendo col Labont (FB&filosofia)

[pubblicata da Edoardo Acotto il giorno giovedì 21 gennaio 2010 alle ore 23.43]

Il bello di FB è che, pur essendo de jure un archivio di tracce potenzialmente infinito, in realtà somiglia più a un block notes magico che disperde tracce in un'anonima inutilità, annullandole de facto.
Se FB funzionasse come un archivio nessuno lo userebbe con la leggerezza con cui lo si usa.
L'archivio non è un divertissement...
Questa è la specificità di FB rispetto agli altri social network: FB, al contrario dei Blog o di Myspace, promette una potenza di micro-archiviazione che però non mantiene, e che non può mantenere semplicemente perché le sue dimensioni non sono quelle della cognizione umana bensì quelle dell'archivio virtuale in-sé.
Su FB l'archivio diventa per-altri più che per sé, ma non sembra diventare mai un archivio in-sé-per-sé...

Per esempio, per dare una qualche forma di presenza a questi pensieri, ora devo salvare il tutto in una NOTA, che affido a FB come un messaggio nella bottiglia.
Qualcuno prima o poi forse la leggerà, ma sarà sempre troppo tardi (o troppo presto...)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Se il libro su fb e la filosofia lo farai tu e non qualche stronzo di quelli che poi vanno a parlare su canale 5, sicuramente verrà fuori qualcosa di buono. Attendo.

Jacopo

Deleuze ha detto...

grazie Jacopo, se andassi a Canale 5 lo farei solo a patto di essere gagliardo come la Nannini con Fede...
http://www.youtube.com/watch?v=Gr2XE0BcgLI

Anonimo ha detto...

Non l'avevo visto... Gianna Nannini ha ragione, e Fede, che probabilmente l'avrebbe revolverata, fa pena; anzi, nemmeno.